la

poesia popolare

   

  Tiziano Spigariol

 

E, sti cani, si, sti cani;
parchè gavìu chelcossa da dir contro i cani?, anca se
qualche volta te vegnaria da dir:
"sti cani de cristiani".
No, sti cani,
che te te trovi visini, compagni,
in sto caminar stentà de sta vita
sempre manco sicura.
 

ALBA
 

Introdar en can 

d'en boiass schifoso,

el pel

a coa

l'ocio zaeo matesso.

A baularghe al vento

solo parchè 'l ghe sofia,

a ramenarte a coa

ma star distante passi

e la dificoltà del s-ciopo

che quando el sbara

ea trema

se no ea se sconde

o ea scampa.

Ma ea

quand'ea ga bon

no a mola,

l'é tûta atenta

e la me par en s-cantiso;

la serca,

la varda

e la risercaancora

finché a faiana zola,

e mi

vardarla e dirghe

zola

che sol cussì ea s'introda

anca se al vento

la ghe sbaiarà

... e po' ancora.

I CANI

 

 

 

Starte sempre darente

par spetar

'na caressa

... maeatia dei cani.

Se ti te fussi

maeada cussì.

PENSANDOME

 

Son contento de mi

che voo soeo pa' i campi

che me sento partera

che me avo co posso

che mi rido co magno

che te penso

... e no basta

che voo a cacia co vòi ...

che son quasi el me can.


 

L'OMO 

L'AMOR

I CANI

FRUTI

FORA... 

 

 

           < indice autori               < home

  Fondazione Premio Altino leo@fondazionepremioaltino.it